Veg a casa. Una ricetta tira l'altra

Dolci

Frolla della festa d'inverno

Elenco ingredienti

Ingredienti Frolla

  • 300gr semola rimacinata di grano duro
  • 100gr farina tipo 1 o tipo 2
  • 50gr olio di semi di mais
  • 50gr olio d’oliva
  • 120gr zucchero di canna
  • 120gr bevanda vegetale (soia, mandorla o avena)
  • 16gr lievito per dolci
  • 4-5 scorze di limone
  • 10-15gr liquirizia pura in polvere (quella nera)
  • qb sale

Ingredienti Cremoso

  • 200gr cioccolato fondente
  • 100gr nocciole tostate
  • 180gr bevanda vegetale
  • 60gr sciroppo d’agave
  • 15gr amido di mais
  • qb noce moscata
  • qb sale

Ingredienti Crostatine

  • qb Marmellata di arance amare
  • alcuni Alkekengi (o frutti di bosco)
  • alcune fettine di arance essiccate
  • qb granella di nocciole e cacao amaro

1) Preparazione Frolla

Frullate parte della semola e la farina insieme allo zucchero, il sale, il lievito, le scorze di limone e la liquirizia fino a ottenere una polvere fine e uniforme. Versate in una ciotola e aggiungete la semola restante e gli oli, impastando bene il tutto con le mani fino a raggiungere una consistenza sabbiosa. Inserite la bevanda vegetale e impastate fino a formare una palla liscia. Formate un panetto piatto, avvolgete nella pellicola e fate riposare in frigorifero almeno 40 minuti (meglio 2 ore). Stendete con un mattarello la frolla sopra a un foglio di carta forno con una spessore di circa 3-4 mm e riponete nuovamente in frigo a indurire. Stampate la frolla nella crostatiere piccole, forate bene il fondo con una forchetta e cuocete a 165°C per circa 15-20 minuti. Lasciate raffreddare e togliete dagli stampi.

2) Preparazione Cremoso

Preparate il cremoso portando a bollore la bevanda vegetale assieme alle nocciole, lo sciroppo d’agave, l’amido di mais, la noce moscata e il sale; spegnete il fuoco e frullate tutto in un potente mixer fino a ottenere una crema liscia. Lasciate riposare qualche minuto. Aggiungete il cioccolato tritato e mescolate fino a farlo sciogliere in modo omogeneo. Versate la crema in una ciotola, copritela con la pellicola a contatto e fatela raffreddare in frigorifero. Inserite la crema in un sac a poche con una bocchetta rigata.

3) Preparazione Crostatine

Spalmate sul fondo delle crostatine un velo leggero di marmellata di arance amare, sopra uno spumone di cremoso alla nocciola e decorate con gli alkekengi o i frutti di bosco, una fettina di arancia essiccata, la granella di nocciole e una spolverata di cacao amaro.

Primi

Tortelloni fatti a mano in brodo vegetale con castagne ed erbe aromatiche

Ecco una ricetta vegan di alta cucina, sfidante nella sua innovazione, rassicurante nella sua tradizione, che permetterà di festeggiare davvero.
Leggi la ricetta

Primi

Ragù alla zucca

Questa è una ricetta leggera: vi stupirete di come la zucca si abbini bene anche con il pomodoro, creando un sugo versatile che si presta sia per condire vari tipi di pasta e di polenta, e per preparare delle gustose lasagne. Prendiamo una piccola zucca, dividiamola a metà e priviamola dei semi e dei filamenti, tagliamola in pezzetti e mettiamola a cuocere nel microonde con due sessioni da 20 minuti; conserviamo eventualmente l'acqua di vegetazione per allungare poi al sugo. Potete utilizzare anche la cottura a vapore, o con la friggitrice ad aria o il forno, facendo però attenzione che la zucca  non si bruci e che non prenda un sapore amaro. Prepariamo un soffritto con abbondante carota, una costa di sedano e mezza cipolla, e facciamo stufare il tutto in due cucchiai di olio, regolando di sale e pepe. Nel frattempo prendiamo una padella e riscaldiamo due cucchiai di olio di oliva in cui faremo rosolare uno spicchio di aglio diviso in quattro per lungo, un rametto intero di rosmarino e un peperoncino. Togliamo l'aglio, il rosmarino e il peperoncino, versiamo la zucca a pezzetti nella padella: insaporiamola regolando di sale e di pepe, schiacciandola grossolanamente con una forchetta. A questo punto uniamo al soffritto precedentemente preparato la zucca, mescoliamo e aggiungiamo un barattolo di polpa di pomodoro a pezzetti con un bicchiere di acqua calda, un dado vegetale e delle foglie di basilico fresco. Facciamo cuocere a fuoco medio fino a che il sugo non si ristringe (circa 40 minuti). Una volta pronto possiamo condire con questo sugo abbondantemente tutto ciò che vogliamo, decorando con delle foglie di basilico fresco.  
Leggi la ricetta

Primi

Polenta al grano saraceno e ragù di zucca

Prepariamo la zucca: dividiamola a metà, togliamo i semi e i filamenti interni, eliminiamo la buccia con un coltello o un pelapatate resistente. Tagliamola a pezzetti e cuociamola in microonde in due sessioni da 20/ 25 minuti ciascuna finchè non diventa morbida. Non buttiamo l'acqua di vegetazione che ci servirà poi per il sugo. Prepariamo il sugo: soffriggiamo un battuto di cipolla, carota e sedano, con uno spicchio di aglio, un peperoncino e in rametto di rosmarino in 5 cucchiai di olio di oliva. Aggiungiamo la zucca tagliata in pezzetti ancora più piccoli e facciamola insaporire. Aggiungiamo una scatila di polpa di pomodori a pezzetti, schiacciamo la zucca e il pomodoro con una forchetta, aggiungiamo il dado, l'acqua di vegetazione della zucca, un cucchiaino di concentrato di pomodoro, delle foglie di basilico fresco e regoliamo di sale (se occorre) e aggiungiamo del pepe. lasciamo cuocer eper 15/ 20 minuti mescolando ogni tanto. Prepariamo la polentina mescolando metà farina di grano saraceno e metà farina senza glutine per tutti gli usi in una pentola con dell'acqua calda salata, portiamo ad ebollizione e lasciamo cuocere fino a che non raggiunge la consistenza della polenta.  Disponiamo la polentina calda sul piatto e ricopriamo con abbondante sugo bollente, avendo cura prima di togliere l'aglio, il rametto di rosmarino e le foglie di basilico, che ormai avranno rilasciato tutto il loro sapore, e serviamo decorando con foglie di basilico fresco.
Leggi la ricetta

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta