Veg a casa. Una ricetta tira l'altra

Secondi

Tofu marinato allo zenzero e tortino di carciofi e patate

Per il tortino: 4 carciofi 4 patate medie aglio sale pepe prezzemolo timo olio extravergine di oliva In una teglia di ceramica versare vino, olio, succo e  scorza di limone, aglio a pezzi, sale, pepe,  zenzero grattugiato ed erbe aromatiche. Aggiungere il tofu a fette e lasciar marinare 6/8 ore, girando  ogni tanto. Lessare le patate con la buccia, sbucciarle e far raffreddare bene. Pulire i carciofi, tagliarli a spicchi sottili e cuocerli in un tegame con olio, aglio, sale, pepe e prezzemolo, per circa 10/15 minuti, aggiungendo qualche cucchiaio di acqua. Affettare le patate con un pelapatate, condire con un olio, sale, pepe e timo e mescolare con delicatezza . Rivestire una teglia con carta forno, ungere e, usando degli  stampini, formare i tortini, alternando strati di patate e carciofo. Infornare per 15 min. con la funzione grill. Infarinare le fette di tofu e cuocerle in una padella antiaderente con poco olio ben caldo per alcuni minuti, fino a doratura. Aggiungere il liquido di marinatura filtrato e cuocere ancora un minuto a fiamma alta per addensare il fondo di cottura. Sollevare con una spatola i tortini e poggiarli sul piatto con le fette di tofu. Decorare con un trito di erbe aromatiche e pezzetti di zenzero.

Secondi

Perle di quinoa alla curcuma

Cuocete la quinoa in acqua leggermente salata dopo averla sciacquata bene: di solito una parte di quinoa e due di acqua. Lasciate cuocere secondo le indicazioni (10 minuti) e poi coprite e lasciate gonfiare per 8-10 minuti. Nel frattempo cuocete a vapore patate e cavolfiore fino a quando non saranno morbidi. Poi schiacciateli con la forchetta e condite la quinoa con olio, curcuma, aggiungete le verdure e cominciate a formare delle polpettine: passatele nella farine di mais e cuocete in padella con un filo d'olio. Potete servirle con una salsa maionese o tartara.

Secondi

Edamame su pane carasau

  Tagliare a cubetti un peperone, mezzo ananas e a striscioline sottili un piccolo cavolo rosso. Tostare in padella 2 cucchiai di anacardi. Preparare un'emulsione con un cucchiaio di succo di agave, del limone, sale e olio. Aggiungere alle verdure e all'ananas, gli anacardi tostati, l'edamame (precedentemente cotti), un cucchiaio di semi di papavero e condire con l'emulsione. Servire l’insalata su croccanti sfoglie di pane carasau e guarnire con qualche foglia di menta.

Secondi

Quenelles arancio di lenticchie

Procedimento: la sera precedente, o 3-4 ore prima, ammollate le lenticchie rosse con il brodo vegetale e l'alga. Al momento di cuocerle scolatele, copritele con tanta acqua fredda sufficiente a sovrastarle di 1,5 cm, aggiungete un cucchiaino di succo di limone e mettetele sul fuoco. Mescolate, portate a ebollizione. Abbassate la fiamma e cuocete 10-15 minuti, finché sono ridotte a una purée. La scarsità di fibra rende il passare le lenticchie decorticate non necessario. Il brodo vegetale può essere sostituito da un estratto o un centrifugato di verdure fresche, magari cipollae carota. Lavate e mondate le batate; cuocetele al vapore per almeno 25'-30'. Sbucciatele e riducetele a dadini o, nei primi mesi di alimentazione complementare, passatele per togliere la fibra. Lavate e mondate il porro e la carota e tritateli finemente. Preparate un'emulsione con 2 cucchiai di olio e 1 di acqua, saltatevi il porro e la carota. Sbriciolate la salvia, unite le lenticchie e mescolate. Condite con i semi di zucca decorticati e attendete che intiepidisca; formate le quenelles e servite. Nei primi mesi di alimentazione complementare consiglio di frullare e di passare anche il composto finale; successivamente, si possono lasciare pezzettoni di batata e di carota che rendono la consistenza più varia e interessante. I semi di zucca possono essere polverizzati o ridotti in crema prima di essere aggiunti alla purée. L'alga va tolta e usata per successive preparazioni o può essere consumata da un adulto.      

Secondi

Riso selvaggio con ceci e spezie

Lessate il riso selvaggio in abbondante acqua salata: scolatelo al dente e fatelo raffreddare. Cuocete poi il riso basmati; scaldate un cucchiaio d'olio e fatevi tostare il riso a fiamma vivace qualche minuto, mescolando continuamente, poi abbassate il fuoco al minimo, aggiungete 300 g di acqua bollente e ½ cucchiaino di sale e fate cuocere coperto per 15 minuti. Nel frattempo preparate i ceci: fateli saltare in un padellino con poco olio, il curry, il cumino, il sesamo e i mirtilli. A parte, preparate anche la cipolla croccante: tagliate la cipolla a fette sottili e mettetela sulla carta da forno cosparsa con qualche goccia d’olio, infornate ad alta temperatura fino a renderla croccante e dorata.

Secondi

Bocconcini di seitan alla senape su quenelle di patate

Versare in una ciotolina la senape, la salsa di soia, l’amido e l’acqua e mescolare con una forchetta per emulsionare. In un piatto versare i semi di sesamo e il prezzemolo tritato finemente. Tagliare a pezzi non troppo grandi il seitan, passarlo nell’emulsione di senape e poi nel sesamo, premendo per farlo aderire. Tenerli in frigorifero circa 20 minuti. Lessare le patate con la buccia, dovranno cuocere fino a che non saranno morbidissime. Sbucciarle e passarle un paio di volte nello schiacciapatate. Aggiungere a questa purea l’olio, il sale e il pepe e mescolare. Versare in una padella antiaderente pochissimo olio, quando sarà caldo cuocere i bocconcini di seitan fino a che non saranno dorati su tutti i lati Formare delle quenelle con la purea di patate aiutandosi con due cucchiai, adagiarli sul piatto da portata e poggiare su ognuna un bocconcino caldo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta