Veg a casa. Una ricetta tira l'altra

Primi

Pasta alle carrube con canditi di arancia e cioccolato fondente

Elenco ingredienti

Ingredienti Pasta alle carrube

  • 160 g farina di tipo 2
  • 110 g acqua
  • 20 g semola di grano duro
  • 20 g farina di carrube
  • 3 g sale
  • qb olio piccante
  • alcune mandorle pelate
  • qb cioccolato fondente al 70%
  • alcuni petali di rosa rossa edibili
  • alcuni semi di finocchio
  • 1 arancia siciliana biologica
  • qb zucchero di canna chiaro
  • 2 carote grandi
  • il succo ½ arancia
  • un pezzo peperoncino jalapeño

1) Preparazione Pasta alle carrube

Miscelare in una bacinella la farina di tipo 2, la semola di grano duro, la farina di carrube e il sole. quando il secco è ben amalgamato aggiungere l’acqua e lavorare con le mani per almeno cinque minuti.
Fare una palla e rivestirla con la pellicola. Far riposare un’ora. Tirare molto delicatamente la pasta con la sfogliatrice in modo da creare delle sfoglie dello spessore di pochi millimetri. Tagliare la pasta con la rotella dentata allo scopo di ottenere delle tagliatelle regolari profumate alla carruba. Tenere da parte.
Pelare a vivo l’arancia e ricavare dalla scorza dei cubetti regolari; sbollentarli per un minuto. Ripetere l’operazione per altre due volte sempre con acqua pulita. Pesare i cubetti di arancia sbollentati e trasferirli in una piccola casseruola; aggiungere lo stesso peso di zucchero di canna e di acqua.
Far sobbollire il tutto piano piano, girando di continuo, fino a far assorbire il liquido. Togliere dal fuoco e passare i cubetti sciroppati su una teglia nella quale è stato adagiato dello zucchero di canna. Rivestire ogni candito con lo zucchero e tenere da parte.
Pelare la carota, tagliarla a pezzetti; tagliare a pezzetti anche parte del peperoncino jalapeño. Mettere il tutto in una piccola casseruola assieme a poche gocce di olio extravergine di oliva e un pizzico di sale. Far cuocere a fuoco basso per circa quindici minuti, mescolando di tanto in tanto senza aggiungere liquidi. Togliere dalla fiamma, aggiungere il succo di arancia e frullare fino a ottenere una salsa liscia e profumata. Correggere con altro liquido – acqua o brodo vegetale – se necessario. Tenere in caldo.
Cuocere la pasta come al solito; scolare e finire la cottura in padella con dell’olio extravergine di oliva, delle gocce di olio piccante, le mandorle grattugiate al momento e un pizzico di sale.
Versare la salsa sul fondo dei piatti; adagiare sopra la pasta cotta raccolta in una matassina. Finire il piatto con qualche goccia di olio extravergine di oliva, del cioccolato fondente grattugiato al momento, alcuni canditi, semi di finocchio e dei petali di rosa rossa.

NB: Chi non se la sentisse o non avesse tempo di fare la pasta in casa, può sostituire le tagliatelle alle carrube con degli spaghetti semintegrali, preparando il condimento e rendendo così più semplice la ricetta.

Dolci

Gallette vegan ai mirtilli

​Unisci in una ciotola capiente la farina semintegrale di farro, quella di mandorle, lo zucchero di canna, la vaniglia, il sale e mescola bene. Aggiungi il burro e impasta in modo da ottenere un composto sabbioso, poi unisci a cucchiaiate l'acqua freddissima e impasta bene, fino ad ottenere una palla omogenea. Avvolgi l'impasto nella pellicola e lascia riposare in frigorifero per un'oretta. Riprendi l'impasto e stendilo con l'aiuto di un matterello sopra un foglio di carta forno in modo da ottenere un disco di spessore di circa 3 millimetri. Versa al centro del disco la marmellata di mirtilli e successivamente la crema di mandorle. Aggiungi anche i mirtilli e richiudi i bordi della galette aiutandoti con la carta forno. Spolvera con un cucchiaio di zucchero di canna e inforna a 180 gradi per 30 minuti in modalità statica. Sforna e lascia raffreddare prima di servire.

Primi

Quinoa con piselli e menta

  ​Versa tre cucchiai di olio evo in una casseruola, aggiungi la quinoa e il doppio del suo volume di acqua salata, porta ad ebollizione e fai cuocere a fuoco lento per 8/9 minuti. Spegni il fuoco e lascia riposare 5 minuti coperto.  Affetta a rondelle sottili il porro e rosolalo in un wok (o in una padella capiente) con un pizzico di sale, aggiungi i piselli lessati e salta il tutto per qualche minuto. Sminuzza sia i pistacchi che le foglioline di menta al coltello. Versa la quinoa nel wok con i porri e i piselli, salta il tutto per un minuto in modo da amalgamare bene gli ingredienti, spegni il fuoco e aggiungi la menta, i pistacchi, il pepe rosa e aggiusta di sale. Puoi servire questo piatto sia caldo che freddo.  

Starter

Crostata salata di zucchine e pomodori ciliegini

Frulla i fiocchi di avena, versa la farina ottenuta in una terrina, aggiungi la farina semintegrale di farro  e il sale. Versa nel composto l'acqua e l'olio e impasta per qualche minuto fino ad ottenere un panetto sodo e compatto e lascialo riposare coperto in frigorifero per mezz'ora. Affetta nel frattempo le zucchine e i pomodori ciliegini, condiscili con un cucchiaio di olio ed un pizzico di sale. Riprendi l'impasto dal frigorifero e stendilo in una teglia di 22 cm di diametro foderata di carta forno, decora con la verdura e inforna per 25 minuti a 170 gradi. Puoi gustarla sia calda che fredda.  

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta