Veg a casa. Una ricetta tira l'altra

Alessandra Rotili

Giornalista di professione, ‘chef’ per diletto. Appassionata da sempre di cucina, ha riscoperto il piacere di creare a tavola proprio da quando, nel 2011, è diventata vegan e ha creato un sito-blog (Lacucinadiale) dove fa volare la creatività gastronomica.

Contorni

Perle di patate

Lessate le patate con tutta la buccia e una volta cotte passatele al setaccio. Conditele con il sale. Intanto tagliate a dadini il pomodoro e il peperone, condite con un filo d'olio, il sale e lo zucchero e passate in forno per 40 minuti. Con le patate formate delle palline e passatele nel mix di erbe (io ho usato prezzemolo, erba cipollina e origano essiccati e un cucchiaio di pan grattato. Attenzione che quelli comprati a volte contengono strutto, quindi o fate in casa o guardate bene l'etichetta...). Fatte le vostre perle aromatizzate alle erbe, frullate pomodoro e peperone fino a ottenere una crema liscia. Impiattate le palline di patate sulla salsa rossa.

Secondi

Polpettone di ceci e...

Lessate i ceci (aggiungete una striscia di alga kombu) dopo averli messi in ammollo la sera prima. Fate ammorbidire in acqua il pane. Intanto in una padella capiente scaldate l'olio con l'aglio, aggiungete i ceci e saltateli per cinque minuti con lo shoyu, unite origano e maggiorana. Frullateli con il mixer in maniera grossoalana, unite le olive tagliate e il pane: lavorate il composto che dovrà alla fine risultare compatto. Per rendere questo polpettone più accattivante io lo farcisco con la zucca o le patate: la prima la faccio cuocere a spicchi sulla placca del forno con uno spicchio d'aglio in camicia e un filo d'olio. Quando si sarà ammorbidita la schiaccio con la forchetta e unisco lo zenzero in polvere. Per il ripieno di patate procedo così: le cuocio sbucciate a vapore, le schiaccio, le condisco con sale e cannella. Riprendo l'impasto di ceci e al centro metto la farcia di zucca o patate, poi con l'aiuto delle mani richiudo bene il polpettone (se è troppo umido aggiungete un po' di pangrattato) e lo chiudo a caramella nella carta da forno. Meglio se resta almeno un'ora in frigo. Poi lo potete cuocere in forno aprendo la carta a 180 gradi per mezzora. fate intiepidire e tagliate a fette.

Primi

Risi e bisi d'oriente

Cuocete il riso senza girarlo, togliete l'acqua in eccesso (precedentemente salata) e fate raffreddare. Preparate i piselli, facendoli cuocere in padella solo con un filo d'olio: una volta pronti uniteli al riso, aggiungete il cucchiaino di brodo vegetale in polvere e il curry. Mettete tutto in una pirofila spennellata con poco olio e livellate bene. Infornate a 200 gradi per 30 minuti. Fate raffreddare e capovolgete lo sformato su un piatto da portata: spolverate con i semi di girasole precedentemente tostati. 

Primi

Carote e topinambur in crema

Pulite bene le carote e i topinambour, tagliateli e fateli cuocere un quarto d'ora a vapore. Intanto in una casseruola fate appassire il porro (meglio scegliere la parte più tenera e bianca) tagliato a listarelle o rondelle come preferite: quando le verdure saranno cotte mettetele in pentola con il porro, aggiungete il brodo vegetale e se serve (io non l'ho fatto) aggiustate di sale. Lasciate insaporire per un po', quando il brodo si sarà ben asciugato. Togliete dal fuoco e passate con il mixer a immersione. Ed ecco un'altra crema gustosa, poco calorica e facilissima da preparare.  

Secondi

Tofu e verdure al cartoccio

Scottare in acqua acidulata con il limone il tofu e poi tagliatelo a dadi. Saltate in padella con poco olio, lo shoyu e l'erba cipollina. Tagliare la zucchina a fiammifero, la zucca a dadini e grattugiate la carota:mettetele nel wok con un filo d’olio, aggiungete la santoreggia, il sale e fate andare dieci minuti. Preparate il cartoccio: adagiate sul fondo il tofu, intorno le verdure, unite lo spicchio d'aglio in camicia e un filo d'olio. Chiudere il cartoccio e fate a cuocere a 160 gradi per 15'-20'. Servite caldo nello stesso cartoccio o nel piatto  

Primi

Risotto alla melagrana

Sgranate la melagrana, tenendo da parte i chicchi per decorare: il resto passatelo per ottenerne il succo. Affettate a rondelle il porro e fatelo stufare in padella fino a quando non diventa morbido: con il frullatore a immersione riducetelo in purea e tenetelo da parte. fate tostare il riso, sfumate con il vino, aggiungete parte del brodo e fate cuocere mescolando. Unite la crema di porri e dopo cinque minuti il succo di melagrana poco alla volta, facendo incorporare bene. Se serve aggiustate di sale. A fine cottura coprite con il coperchio a fuoco spento e lasciate un minuto. Impiattate 'spolverando' con alcuni chicchi di melagrana e servite caldo.  

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta