Veg a casa. Una ricetta tira l'altra

Dott. Michela Kuan

Biologa e nutrizionista, è responsabile del Settore Vivisezione della LAV. Non trascura tuttavia il suo interesse per l'alimentazione veg e per tutte le sue implicazioni. Comprese utilissime ricette per una sana vita. www.michelakuan.it

Dolci

Coniglietti pasquali

Scaldare i mirtilli e lo sciroppo e il limone in una padella, mescolando con un cucchiaio di legno per un paio di minuti.   Unire a parte la farina, l’olio/burro e il lievito e lavorare gli ingredienti, aggiungere quindi la mela pelata e grattugiata , il latte e lo sciroppo. Fare una palla e lasciare riposare la pasta per 15’ in frigo, quindi stenderla su un piano infarinato in un rettangolo (circa 45x18) e spennellare con la salsa di mirtilli precedentemente ottenuta. Tagliarla in 10 strisce, arrotolarne metà, quindi tirate la pasta con un pizzico in modo da fare il primo orecchio e ripiegare la seconda metà della pasta per fare il secondo e chiudere in modo da ottenere la forma del muso del coniglio. Mettere al centro di ogni spirale un mirtillo (che fungerà da naso) e le due lamelle di mandorle per fare i denti. Infornare a 200° per 10’.   Lasciare raffreddare e con un goccio di glassa attaccare due mirtilli per fare gli occhi.  

Contorni

Tortino di bieta e patate rosse

Scaldare a 200° il forno e cuocere i pomodorini per 15/20’ dopo averli cosparsi di aglio e irrorati con un filo d’olio. Intanto saltare in padella la bietolina per pochi minuti, quindi mescolarla in una ciotola alle patate grattugiate grossolanamente, i semi e le spezie aggiustando di e sale. Cuocere questo maxi-rösti in una padella oleata da 22cm pressandolo in modo da ottenere come una grande frittata per circa 10/15’ per lato. Servire guarnita con i grappoli di pomodorini.  

Secondi

Edamame su pane carasau

  Tagliare a cubetti un peperone, mezzo ananas e a striscioline sottili un piccolo cavolo rosso. Tostare in padella 2 cucchiai di anacardi. Preparare un'emulsione con un cucchiaio di succo di agave, del limone, sale e olio. Aggiungere alle verdure e all'ananas, gli anacardi tostati, l'edamame (precedentemente cotti), un cucchiaio di semi di papavero e condire con l'emulsione. Servire l’insalata su croccanti sfoglie di pane carasau e guarnire con qualche foglia di menta.

Dolci

Pere al vino, chiodi di garofano e arancio

I chiodi di garofano sono boccioli essiccati dalle numerose qualità, infatti, oltre a sprigionare particolari aromi e fragranze, contengono olii e principi nutritivi che li rendono ottimi antinfiammatori naturali, tonicizzanti contro la spossatezza e un buon aiuto contro il mal di testa. Inoltre hanno capacità antiossidanti, utili per mantenere giovane l’organismo, e c’è chi dice siano pure afrodisiaci!   I chiodi di garofano sono molto apprezzati nelle ricette dolci come in quelle salate e vengono utilizzati per aromatizzare dolci, frutta cotta, panpepati, biscotti, creme, liquori e vini aromatizzati (ad esempio il vin brulé).   Un classico della cucina italiana sono le pere al vino, una ricetta semplice che rende il giusto omaggio a questo meraviglioso frutto potenziandone le qualità con i magici boccioli indonesiani. Per ottenere un piatto equilibrato, alla ricetta classica, potremo aggiungere frutta secca e mantenere la buccia della frutta che sarebbe meglio fosse biologica.   Procedimento Accendete il forno e impostate la temperatura a 180° C, versate il vino e l'acqua in una casseruola piccola (devono starci 4 pere in piedi) ma con i bordi alti, aggiungete lo zucchero e mescolate finché non sarà sciolto, quindi riponete le pere nella pentola. Aggiungete le spezie, coprite il tutto con carta stagnola e infornate per 20 minuti. Una volta cotte, toglietele dal tegame aiutandovi con una paletta e appoggiatele su un piatto da portata. Rimettete sul fuoco la casseruola e fate ridurre la salsina, inserendo i gherigli di noce e la scorza di arancia, successivamente togliete le spezie e versatela sulle pere appena sfornate.    

Starter

Bulgur con crema di ceci, bieta e noci

Cominciamo col pulire le coste, separando il gambo dalle foglie che terremo da parte. Facciamo tostare le noci in padella per pochi minuti, le togliamo e soffriggiamo con un filo d’olio, l’aglio, aggiungendo i gambi tagliati a cubetti ed il sale. Passiamo al minipimer i ceci con un filo d’olio evo sino a formare una crema liscia da aggiungere subito alle coste. Cuocere mescolando velocemente e aggiungere il bulgur, le noci, e una spolverata generosa di noce moscata. Disporre su un piatto da portata con una bella cucchiaiata di composto guarnendo con qualche noce e una foglia di bieta.  

Secondi

Riso selvaggio con ceci e spezie

Lessate il riso selvaggio in abbondante acqua salata: scolatelo al dente e fatelo raffreddare. Cuocete poi il riso basmati; scaldate un cucchiaio d'olio e fatevi tostare il riso a fiamma vivace qualche minuto, mescolando continuamente, poi abbassate il fuoco al minimo, aggiungete 300 g di acqua bollente e ½ cucchiaino di sale e fate cuocere coperto per 15 minuti. Nel frattempo preparate i ceci: fateli saltare in un padellino con poco olio, il curry, il cumino, il sesamo e i mirtilli. A parte, preparate anche la cipolla croccante: tagliate la cipolla a fette sottili e mettetela sulla carta da forno cosparsa con qualche goccia d’olio, infornate ad alta temperatura fino a renderla croccante e dorata.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta