Giornata dell'Ambiente 2019: speciale per almeno 3 motivi

  Questo è un anno speciale per la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Per almeno tre motivi.  Il primo è che Greta Thunberg e il movimento Fridays For Future stanno generando una svolta, o perlomeno una riflessione profonda, in milioni persone, nella società civile e anche in molte istituzioni. E gli altri? Continua a leggere 

LAV al Secondo Sciopero Globale per il Clima

Venerdì 24 maggio torneremo in piazza a Roma, aderendo alla mobilitazione globale #FridaysForFuture e al Secondo sciopero globale per il clima. ---------------------------- "Persino la maggior parte degli scienziati del clima e dei politici ambientalisti continua a prendere aerei, a mangiare carne e latticini" Greta Thunberg La nostra casa è in fiamme, Mondadori, 2019

Mc Donald's e il suo insostenibile marketing

Il Made in Italy può dirsi garanzia assoluta di sostenibilità? Non è forse ipocrita fregiarsi di patenti di “benessere” animale da parte di colossi della produzione di carne?   Eppure è quanto afferma McDonald’s nella sua campagna pubblicitaria “100% allevamenti italiani: sosteniamo la sostenibilità”. Finire macellati è sempre insostenibile per gli animali. Altrettanto insostenibili sono le conseguenze sull’ambiente e sulla salute individuale e collettiva delle produzioni di carne. [Continua]

Teachers For Future: i docenti per il Pianeta

In vista del prossimo Sciopero Globale per il Clima, di venerdì 24 maggio, scendono in campo anche i docenti, con un loro manifesto, in cui si ripromettono, tra l'altro, di insegnare la verità nelle scuole e di sostenere i loro studenti  Noi insegnanti ed educatori italiani e tutti i sottoscrittori di questo appello riconosciamo come il collasso climatico e del mondo naturale di origine antropica costituisca con tutta evidenza una EMERGENZA MONDIALE non più procrastinabile. [...]   Dopo decenni di omissioni, silenzi e inazione, finalmente da oggi soffia il vento della speranza. Perciò, da oggi, ci ripromettiamo di INSEGNARE LA VERITÀ nelle scuole; di sostenere incondizionatamente i nostri studenti nelle loro rivendicazioni e farle nostre; di mettere in comunione le nostre intelligenze, le nostre mani e i nostri cuori con chiunque su questo pianeta vorrà informare ed educare attorno alla realtà dell’emergenza climatica; di condividere conoscenza, sapienza ed esperienza per costruire una solida comprensione delle necessità attuali della nostra Terra per poter rigenerare i suoi equilibri. [...]   E finalmente un obiettivo che sottolinea l'inizio di una presa di consapevolezza rispetto ai danni ambientali enormi causati dal ciclo di 'produzione' della carne: la proposta di abolire la carne dalle mense.    E' già qualcosa, sarebbe già un passo avanti verso un domani meno catastrofico. Forza Teachers For Future ci vediamo in piazza il 24 maggio!   paola segurini  

Laudato Si': alleanza per il clima

La lettera enciclica LAUDATO SI', promulgata nel 2015 da Papa Francesco, con il tema della 'cura della casa comune', non è rimasta inascoltata. Il 19 gennaio 2019, con la convocazione di un Forum cui hanno preso parte attivisti, studiosi e numerose realtà dei movimenti e dell’associazionismo italiano, è stato aperto un tavolo di lavoro sui cardini dell’enciclica vista come un testo pienamente politico, capace di comprendere nel medesimo orizzonte la dimensione della giustizia sociale, del rispetto dei diritti, della cura della casa comune e del vivente – nella consapevolezza dell’urgenza di una pratica di resistenza culturale, educativa e comunicativa. Anche LAV, nella persona del Presidente Gianluca Felicetti, ha partecipato ai lavori. Per saperne di più

Se a NY sono avanti...

Certe città sono sempre avanti, lanciano mode, artisti e stili di vita. La regina è certamente New York, in questo caso. Il sindaco dem, Bill di Blasio, nell'ambito del Green New Deal per contrastare il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici, ha lancito delle misure che includono anche gli alimenti.  La ristorazione scolastica, gli ospedali, gli istituti di pena e gli uffici comunnali vedranno gradualmente scomparire dal menu le carni lavorate, insieme al calo del 50% degli acquisti di manzo. Bene no? Per saperne di più clicca qui. p.se.

Agnello a Pasqua: non un precetto religioso

Si avvicina la Pasqua, quest’anno a primavera avanzata, con il suo carico di gioia per la rinascita e la sua valenza – per chi è credente – religiosa. È un momento speciale, il più importante dal punto di vista dell’anno liturgico, perché fondamentale per il cattolico è il sacrificio di Gesù, che diventa il piccolo ovino offerto per espiare i peccati altrui... (continua)

21 marzo: foreste e non solo

  La primavera ci porta una data forte: ogni 21 marzo le Nazioni Unite infatti sensibilizzano sull'importanza di tutti i tipi di foreste, con la giornata internazionale su questo tema, istituita nel 2012.   Nonostante la riconosciuta importanza del patrimonio verde, la deforestazione globale continua ad un ritmo allarmante: 13 milioni di ettari di foresta vengono distrutti ogni anno e la deforestazione causa tra il 12 e il 20% delle emissioni globali di gas serra che contribuiscono al cambiamento climatico.    Le foreste sono solo una parte di ciò che dobbiamo assolutamente preservare, ma tutto il resto del Pianeta è a rischio, anche in vista dell’aumento della popolazione mondiale, che salirà a 8,5 miliardi entro il 2030.   La prima e più facile azione individuale da fare per abbassare il rischio è cambiare menu, orientandoci con decisione verso un'alimentazione vegan, buona per la salute, alla portata di tutti e che risparmia il disboscamento per l'allevamento e per la semina di monocolture destinate ai mangimi per gli animali che sfruttiamo per la tavola.   Lo abbiamo detto, ancora una volta insieme e in tante città, allo Sciopero del Clima ...   paola segurini    

LAV allo Sciopero per il Clima

Il cambiamento climatico è un’emergenza globale che deve essere affrontata presto e con decisione, prima di raggiungere il punto di non ritorno. Oggi 15 marzo, giornata memorabile per il movimento di 'salvataggio' del Pianeta, al #climastrike iniziato dalla giovanissima Greta Thunberg, noi c'eravamo. in 20 città, tra cui Roma, dove abbiamo distribuito anche un apprezzato omaggio 100% veg,  grazie a Probios. Clicca qui vedere la gallery di foto  e leggere il nostro comunicato stampa. paola segurini

15 marzo: partecipiamo allo Sciopero Globale per il Clima

Venerdì 15 marzo insieme agli studenti, ai singoli cittadini e agli esponenti della società civile, anche LAV manifesterà a sostegno del potente appello di Greta Thurnberg e dei suoi Friday For Future per una politica climatica più stringente a livello globale, europeo e nazionale. Sarà uno "Sciopero Globale per il Clima", che in Italia si svolgerà dalle 9:00 alle 13:00. Gli scienziati avvertono che se gli Stati non agiranno per limitare l’emissione di gas serra, nel 2030 il riscaldamento globale potrebbe superare la soglia di 1,5°, con conseguenze catastrofiche per tutti e, a questo ritmo, a fine secolo l'aumento potrebbe raggiungere almeno i 3°, se non di più. Per tamponare i danni incalcolabili previsti, l'IPCC indica come necessaria la riduzione del 45% delle emissioni globali di anidride carbonica entro il 2030, rispetto ai livelli del 2010, e l'azzeramento delle emissioni nette entro il 2050 e sostiene che non si possa prescindere dalle azioni individuali per raggiungere l’obiettivo di ridurre il riscaldamento globale, suggerendo la transizione verso stili alimentari più salutari, con un minor consumo di carne, latte, burro e uova. Un deciso calo dei consumi di alimenti di origine animale ridurrebbe l’impatto sul clima e renderebbe disponibili superfici coltivabili da destinare a vegetali per il consumo umano e non ai mangimi per gli animali. Gli studi dimostrano che l'adozione a livello mondiale di un’alimentazione a base vegetale potrebbe ridurre le emissioni di gas serra legate al cibo fino al 70% entro il 2050. L’emergenza clima è reale e la riduzione delle emissioni causate dal sistema alimentare deve essere una priorità nei negoziati internazionali e nelle pianificazioni nazionali. Come spiega Greta nel suo TED (con sottotitoli in italiano) ‘if the emissions have to stop, we have to stop the emissions’. Le scelte alimentari individuali sono un metodo facilmente attuabile per contribuire con decisione al rallentamento del cammino verso la catastrofe climatica.  Cambiare menu, orientandosi verso un'alimentazione vegetale, è una soluzione potente per salvare il clima e il Pianeta! #GlobalStrike4Climate paola segurini

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta