L'arancia fa miracoli

Il frutto dell’arancia è ricco di molte vitamine e sali minerali: flavonoidi (sono composti polifenolici che hanno in genere proprietà anti-ossidante e vaso-protettive), acidi idrossicinnamici, Vitamina C (acido ascorbico), Vitamina A, Vitamine del complesso B, Fosforo, Magnesio e Potassio; sostanze dalle grandi proprietà antiossidanti che contrastano l’invecchiamento delle cellulare proteggendo le cellule dai danni del DNA da radicali liberi e dalla perossidazione dei lipidi coinvolta nei processi di aterosclerosi.   Forse non tutti sanno, però, che l’arancia rossa contiene anche vitamine rassodanti, in grado di rimodellare la pancia e ridurre il grasso corporeo, soprattutto quello dell’addome, infatti grazie alle antocianine, ovvero sostanze presenti in questa varietà di agrume dalle riconosciute proprietà antinfiammatorie, é in grado di ridurre il girovita.   Attenzione, se siete indecisi tra una spremuta e il frutto intero, sempre meglio scegliere il frutto che contiene fibre che rallentano il rilascio di zuccheri nel sangue.   Oltre nell’intramontabile insalata siciliana con finocchi, arance, olive, la sua scorza o polpa vengono utilizzate per moltissime preparazioni dolci e salate. Assaggiamola come base per ottimi biscotti.   Dott. Michela Kuan

Rossa paprika amica

La paprica è una spezia che si ottiene dalla macinazione del peperoncino, fatto seccare e privato della parte bianca interna. La parola deriva dall’ungherese e significa appunto peperone, infatti la parte interna del peperone è quella in cui si concentra la capsaicina, il principio attivo che gli conferisce il sapore piccante. A seconda del grado di piccantezza, abbiamo la paprica dolce, media o piccante o forte. Il colore della paprika è invece dipendente da diversi pigmenti, conosciti come carotenoidi, tra cui prevale il licopene, noto antitumorale.   Aggiungere questa magica polvere rossa in tutte le preparazioni calde:   1. Riduce il consumo di sale. Sembra poco, ma in termini di riduzione di mortalità cardiovascolare può significare fare la differenza. Senza parlare dei benefici in termini di gambe gonfie e ritenzione idrica e miglioramento generale del micro circolo.   2. Contiene potassio, magnesio, selenio e zinco in abbondanza. Il che la rende potenzialmente utile anche in caso di pressione bassa o crampi.   3. È un pozzo di vitamine. contiene quasi tre volte la vitamina A e il betacarotene contenuti nelle carote. Inoltre è ricca di vitamina del gruppo B (B1, B2, B3, B5), folati, vitamina E, K, luteina e zeaxantina.   Inoltre aiuta a contrastare la caduta dei capelli e ne stimola la crescita.   Una ricetta gustosa con la paprika? Eccola qui   Dott. Michela Kuan

W le noci!

Conosciuto con il nome scientifico di “Juglans regia” che significa “ghianda di Giove”, l’albero del Noce era così chiamato in virtù della bontà e dell’alto valore nutritivo del suo frutto.    L’importanza delle noci è dovuta soprattutto all’alta presenza di Omega3, acidi grassi essenziali che il nostro organismo non è in grado di produrre ma che risultano essenziali per i loro poteri di tutela dell’apparato cardiocircolatorio, per il benessere del cervello e del cuore, combattere l’irritabilità e la depressione. Inoltre, sono consigliate a chi soffre di diabete per tenere sotto controllo effetti e rischi secondari della malattia. Infine, le noci aiutano a combattere l’acne e a donare alla pelle un aspetto più luminoso grazie proprio alla presenza di Omega3, a combattere lo stress, a prevenire l’arteriosclerosi e sono ottimi antiossidanti poiché contengono la vitamina E.   Possono essere semplicemente aggiunte all’insalata, tritate per impanare, diventare base per polpettoni e impasti o usate per creazioni dolci come torte e barrette. Oggi ve le propongo arricchite di frutta disidratata per morbidi bocconi con cui fare merenda, cliccate Qui.   Dottoressa Michela Kuan

I semi di chia

Originari del Messico, si racconta che i semi di chia venissero utilizzati dai guerrieri aztechi per le loro battaglie al fine di trarne maggior vigore ed energia: non a caso, infatti, il termine “Chia”, nella lingua azteca, ha proprio il significato di “forza”.   Il loro colore varia dal bianco al marrone scuro, mentre il profilo nutrizionale vede la presenza di molte vitamine, come la A, C, E, K, e quelle del gruppo B, incluse la B6 e la B12: così rare nel mondo vegetale. Inoltre, in buona quantità, contengono calcio (più che nel latte vaccino!!), ferro (tre volte maggiore che negli spinaci), fosforo, magnesio, oltre che numerosi antiossidanti e molte fibre: caratteristiche che aiutano a combattere i radicali liberi, mantenere bassi i livelli ematici degli zuccheri e regolare l’attività intestinale. Ma, soprattutto, i semi di Chia sono una fantastica fonte di acidi grassi essenziali, quali gli Omega-3 (più del noto salmone dai cui vengono di solito estratti) e gli Omega-6, indispensabili per prevenire le malattie aterosclerotiche e mantenere più sano il sistema cardiocircolatorio.    Questi semi si prestano ad essere consumati sia a colazione - aggiunti ai cereali, allo yogurt di soia, alle macedonie, oppure al latte vegetale - che ai pasti da gustare sulle insalate, nelle zuppe o sui legumi.   Ecco una ricetta golosa. Buon appetito!   Dott. Michela Kuan

Aglio: un alleato della salute

Chi non ha mai fatto caso al fiato maleodorante che ci viene dopo aver mangiato aglio soprattutto se fresco? Dobbiamo ringraziare il suo più noto principio attivo: l’allicina; un composto solforato che contiene zolfo, la cui eliminazione avviene tramite la respirazione e per via polmonare…Ecco spiegato il ben noto alito!   I principi attivi farmacologici contenuti negli spicchi sono molti tra cui i più conosciuti e studiati sono l’alliina e la garlicina. Indicativa anche la presenza di minerali e vitamine: potassio, magnesio, calcio, manganese, selenio, Vitamina C (solo nell’aglio fresco), Vitamina A b1 b2 e PP e altre sostanze tra cui alcaloidi enzimi e fitosteroli. Grazie a questo mix esplosivo, l’aglio rinforza il sistema immunitario, possiede la capacità di abbassare la pressione sanguigna esprimendo un‘azione antiipertensiva, ha azione benefica nell’abbassare il tasso di colesterolo, nel proteggerci dall’ aterosclerosi e per combattere ulcere gastriche o alcune forme tumorali dello stomaco. Infine, vivendo in un ambiente intossicato da metalli pesanti, l’aglio racchiude una difesa naturale in quanto i suoi composti solforati si legano stabilmente con il piombo il cadmio ed il mercurio presente nell’organismo, permettendone l’ eliminazione.   Oltre a essere la base per infinite ricette, può diventare un ottimo spuntino per l’aperitivo insieme a pomodorini disidratati e creme a base di avocado da gustare col pinzimonio. Ecco qui l'Aglio Marinato!   Dott. Michela Kuan  

Radicchio rosso detox

Il radicchio rosso è un ortaggio di stagione molto prezioso per affrontare il freddo, squisito sia crudo che cotto. La versatilità del radicchio è accompagnata da una buona quantità di nutrienti, infatti è una miniera di antiossidanti, di sali minerali e di aminoacidi. Inoltre ha proprietà depurative, diuretiche, toniche e lassative grazie alla sua particolare composizione. L’effetto disintossicante lo si deve in particolar modo all’alto contenuto di acqua, e alla presenza di fibre e di principi amari, che favoriscono la digestione (stimolando i succhi gastrici) e il buon funzionamento dell’intestino. Proprietà associate a un modestissimo apporto calorico, diventando un alimento indicato anche per chi vuole perdere qualche chilo.   Buon apporto di vitamine e i minerali presenti, soprattutto ferro, calcio e fosforo, favoriscono il metabolismo delle ossa e un miglior equilibrio della pressione sanguigna. Il radicchio rosso, in particolare, deve il suo colore agli antociani, preziosi polifenoli dalle proprietà antinfiammatorie, antiallergiche ed antivirali, che aiutano a mantenere in salute i vasi sanguigni, a loro volta implicati nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, in particolare proteggono dalla cardiopatia ischemica. Infine, il triptofano apporta benefici al sistema nervoso, combattendo i disturbi legati all’insonnia.   Una ricetta nuova con questa bella verdura? Eccola Qui.   Dott. Michela Kuan

Una torta befanosa

La notte della befana ha il dolce ricordo delle calze appese in cucina la mattina presto piene di piccole sorprese da scartare; un pensiero che fa felici adulti e bambini. <BR>Adesso, però, si trovano squallide calze già pronte con merendine confezionate avvolte in plastiche con colori da attacco epilettico, mentre bastano semplici gesti come noccioline, fichi secchi ricoperti di cioccolato, noci e giochi per strappare un sorriso e stupire.<BR> Per questa mattina speciale o, da lasciare alla befana di notte, vi propongo una torta magica fatta con carote viola che conferiscono un aspetto misterioso; arricchita di noci questa fragrante torta è ancora più golosa ed apporta le giuste proteine bilanciando il pasto più importante: la colazione! Infatti, grazie agli zuccheri naturali delle carote, le farine integrali e i semi, i macronutrienti coesistono in equilibrio dando il corretto segnale al risveglio all’organismo che non deve ingrassare o gonfiarsi, ma sentirsi pieno di energie e libero di innescare il metabolismo.  Eccola qui! Dott. Michela Kuan  

Un Capodanno più Buono

Il Capodanno Vegan esiste. E' una festa vera, non un succedaneo insapore. Sono passati i tempi in cui ci si accontentava di un menù a togliere. Ora si aggiungono fantasia e gusto per sostituire menu parrucconi che stanno fortunatamente per passare di moda. Per il loro impatto ambientale ed economico, ma anche e soprattutto per la loro crudeltà sugli animali.   Simona Malerba, chef e blogger di grande creatività,  ci propone un menu 100% vegetale esclusivo, stagionale e saporito, gluten free, senza soia e seitan, da preparare prima del Cenone, per lasciarci liberi di godere della compagnia, poiché richiede pochi tocchi conclusivi per servirlo.   Finire l'anno con un menu Buono da tutti i punti di vista è un gesto di ottimo auspicio, perché aperto all'empatia, troppo spesso soffocata in virtù delle tradizioni.   Provateci e Felice 2017!                     paola segurini  (LAV - Area Scelta Vegan)   ____________________________   MENU X CAPODANNO Chips piccanti di cavolo riccio  Crespelle con cavolo nero e zucca  Polenta al ragù di semi e funghi e pesto aromatico Tartare di lenticchie nere con verdure marinate e maionese d'avocado Saor di zucca Mousse al cioccolato e croccantino   Ricette online Qui e Qui Menu scaricabile (PDF) Un Capodanno Buono _Cambiamenu_LAV   ___ *Tutte le ricette sono gluten free, senza soia e seitan. *Anche le foto sono di Simona Malerba, che ringraziamo.  

Cannella uguale Natale

La cannella ha mille azioni positive per il nostro corpo: ha azione di modulazione della glicemia, contiene tanti antiossidanti, è stata studiata con risultati positivi addirittura come antitumorale e funziona bene come antifungino (l'olio di cannella risulta efficace nel trattamento della candida). La sua aggiunta in cottura quando si usano oli o grassi riduce la trasformazione di questi ultimi, mantenendoli decisamente preferibili nell'ottica di mantenersi sani e in forma. I benefici sono presenti anche dal punto di vista della regolazione ormonale, sia negli uomini che nelle donne; in particolare l'uso di 420 mg di cannella 3 volte al giorno nel primo giorno di ciclo sembra migliorare significativamente i sintomi di fastidio che talvolta sono ad esso connessi. Una spezia, un tesoro in cucina, anche a Natale. Ecco la ricetta di biscotti deliziosi, con la cannella.   Dott. Michela Kuan

Lenticchie: amiche dell'organismo

Dal punto di vista nutrizionale, l’elevato contenuto di proteine vegetali (il 25%) fa delle lenticchie un ottimo alimento, inoltre hanno pochissimi grassi (attorno al 2%), tanta fibra, molte vitamine (A, B1, B2, C, PP) e buone quantità di sali minerali, quali calcio, potassio e ferro. Questi piccoli legumi racchiudono, quindi, grandi poteri: •             Intestino: l’alta percentuale di fibre rendono le lenticchie perfette per far funzionare al meglio l’apparato intestinale. •             Colesterolo: la combinazione di fibre e isoflavoni aiuta a abbassare il colesterolo. •             Invecchiamento: le lenticchie sono perfetti antiossidanti grazie alla presenza sia dei flavonidi che della niacina.  •             Memoria: grazie all’alto contenuto di tiamina le lenticchie aiutano la concentrazione e la memoria. •             Tra i benefici delle lenticchie come non ricordare quelli apportati al sistema cardiocircolatorio: è dimostrato che assumere costantemente lenticchie fa ridurre la probabilità di aver un infarto del 20%! •             Amiche delle ossa: le lenticchie sono ricche di vitamine del gruppo A e B che aiutano a rafforzare le ossa. •             Un aiuto contro il diabete: alleate del diabete alimentare le lenticchie aiutano a rallentare l’assorbimento glicemico regolarizzandolo.   Ecco qui una ricetta che le esalta.   Dott. Michela Kuan

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta