I benefici delle fragole

Dalle proprietà depurative a quelle diuretiche, da quelle antinfiammatorie a quelle antitumorali, le fragole possono essere considerate uno dei frutti più salutari che la primavera ci offre. Le loro proprietà sono innumerevoli: questi frutti, infatti, presentano un alto contenuto di vitamine (C, A, B1, B2, B9, K), sali minerali (manganese, ferro, potassio e magnesio) e sono amiche della dieta. Un vero e proprio toccasana per il nostro organismo.   Per la presenza degli antiossidanti, le fragole si rivelano utilissime per combattere il colesterolo e i radicali liberi, favorendo un apporto benefico al sistema cardiovascolare. Gli antiossidanti conferiscono a questo frutto proprietà antitumorali: sicuramente non si rivelano una soluzione per patologie così importanti, ma se affiancate ad una sana alimentazione possono contribuire alla loro prevenzione.   Grazie alla presenza di uno specifico tipo di polifenoli (gli ellagitannini), le fragole risultano utilissime come prevenzione del diabete: queste, infatti, contrastano i picchi glicemici e di insulina che possono verificarsi dopo un pasto ricco di carboidrati. Numerosi vantaggi si riscontrano anche per quanto riguarda pelle, capelli e unghie; infatti, l’alto contenuto di vitamina C favorisce la produzione di collagene (che aiuta a prevenire l’insorgere di rughe) e la produzione di globuli bianchi (andando ad agire sul sistema immunitario), mentre la presenza del manganese e del rame può dare una mano nei problemi di calvizie, ritardare la crescita dei capelli grigi e a rafforzare le unghie fragili.   Una ricetta con le fragole? Eccola!   Dott. Michela Kuan

Fave: una forza della natura

Perfette per uno spuntino, una cena o un aperitivo originale, le fave riempiono le tavole in primavera. Queste leguminose, soprattutto se consumate fresche, sono molto nutrienti e poco caloriche. Inoltre, contengono Levodopa (o L-dopa), un amminoacido che aiuta a migliorare la concentrazione di dopamina nel cervello, e hanno una buona quota di ferro e di vitamina C che ne favorisce l’assorbimento. Essendo molto ricche di fibra alimentare favoriscono il buon funzionamento dell’intestino. Sono, infine, diuretiche e benefiche per reni e apparato urinario. E una ricetta super buona per gustarle al meglio: qui.   Dott.ssa Michela Kuan

Anche quest'anno LET IT BEEE

Sono ormai 15 anni che proponiamo un menu privo di ingredienti di origine animale per celebrare la Pasqua, festa di Rinascita per eccellenza.  E per il secondo anno consecutivo FunnyVeg Academy ha ideato il nostro menu 100% veg: “hummus di piselli e cialde croccanti” per iniziare, seguito dai “cannelloni al profumo di basilico”, che ripropone in chiave veg un classico della cucina italiana, e un gustoso e profumato “tortino primaverile di asparagi” per secondo. Chiude in bellezza un goloso “tiramisù alle noci di macadamia”!   Da 15 anni dimostriamo che celebrare una festa con un menu d’eccezione che concilia gusto e sensibilità per gli animali è non solo possibile, ma anche semplice.   Questo, insieme all’informazione e sensibilizzazione rispetto alle condizioni degli animali “da allevamento”, stanno producendo cambiamenti importanti nell’opinione pubblica e nelle scelte dei singoli. Da quando abbiamo cominciato a proporre in occasione della Pasqua un menu vegan, per aiutare le persone ad allontanarsi dalla crudeltà della tradizione, il numero di agnelli uccisi per il consumo festivo è quasi dimezzato (erano più di 638 mila gli agnelli macellati, allora). Ciò nonostante, sebbene in cinque anni gli agnelli macellati in Italia nel periodo pasquale siano scesi di quasi il 14%, lo scorso anno, purtroppo, più di 350 mila di questi animali macellati in Italia (dati Agri-Istat) sono finiti sulle tavole degli italiani, in contrasto con la resurrezione che questa Festa rappresenta.    Scarica qui il formato PDF LAV_Menu di Pasqua 2019

L'irresistibile ricchezza dell'arancia

Il citrus aurantium, ossia l’arancio, produce splendidi frutti noti come fonte di vitamina C, importante perché innanzitutto contribuisce a rafforzare il sistema immunitario e aiuta, quindi, a prevenire raffreddori e malattie da raffreddamento. Ma non è tutto: le arance “vantano” anche un elevato contenuto di bioflavonoidi, sostanze che assieme alla vitamina C, sono molto importanti soprattutto per la ricostituzione del collagene del tessuto connettivo. Per questo motivo possono favorire il rafforzamento delle ossa e dei denti, ma anche delle cartilagini, dei tendini e dei legamenti. Anche a livello di connettivo delle pareti dei vasi sanguigni, il binomio tra vitamina C e bioflavonoidi può aiutare nella prevenzione della fragilità capillare e può migliorare in generale il flusso venoso. Una buona notizia per chi soffre di cellulite!    La vitamina C ha evidenziato, oltre a ciò, proprietà antianemiche poiché favorisce l’assorbimento del ferro, utile per la formazione dei globuli rossi. E ancora: l’arancia è particolarmente ricca di terpeni che, assunti regolarmente in una dieta ricca di frutta e verdura, si sono rivelati molto efficaci nella prevenzione dei tumori del colon e del retto. Tra i terpeni occorre ricordare il limonene, contenuto nella buccia delle arance, dei limoni e dei pompelmi che, grazie alla sua capacità di contrastare gli effetti degli estrogeni, aiuta a proteggere dal cancro alla mammella.    Di questo frutto non si spreca veramente nulla poiché anche la scorza bianca interna, contiene una discreta quantità di fibra alimentare solubile, che funge da vero e proprio equilibratore nella regolazione dell’assorbimento degli zuccheri, dei grassi e delle proteine.   E quando si pensa al profumo delle scorze di arancia, perché non reinterpretare la Sacher Torte con una farcitura invernale?  Qui la ricetta!   Dott. Michela Kuan    

Detox è la parola del momento

Dopo le feste i pantaloni tirano e siamo più fiacchi del solito, un po' per il rientro a lavoro, ma soprattutto per gli strapazzi alimentari che più di una volta hanno messo alla dura prova il nostro corpo. Il modo migliore per rimettersi subito in careggiata e ritrovare la giusta energia è dedicare una giornata alla leggerezza con zuppe calde a base di verdure, insalate e frutta fresca.   Ovviamente non dimentichiamo il moto, anche se le temperature non invogliano a uscire, cerchiamo la luce del sole con lunghe passeggiate all’aperto, il vostro umore vi ricompenserà. Noti per le loro proprietà depurative e protettive del fegato, i finocchi sono un ottimo aiuto in questo percorso di recupero; buonissimi sia crudi con ad esempio avocado e nocciole che cotti, oggi ve li propongo in una bella zuppa abbinati alle colorate barbabietole e al dolce delle mele: buon appetito detox!   Dott. Michela Kuan

Uva: un toccasana per la salute

L’uva,  frutto simbolo del passaggio dall’estate all’autunno, racchiude nel suo contenuto zuccherino tutto il sole della stagione calda. Ma è anche un forziere di principi attivi, utili al nostro organismo per affrontare la ripresa lavorativa o scolastica. Tra gli alleati di salute e bellezza, l'uva spicca quindi per le sue benefiche proprietà  ed è un vero concentrato di sostanze preziose che regalano benessere. L’uva è molto ricca di zuccheri direttamente assimilabili (glucosio, levulosio, mannosio); contiene inoltre acidi organici, sali minerali (potassio, ferro, fosforo, calcio, manganese, magnesio, iodio, silicio, cloro, arsenico), vitamine A, del gruppo B e C, tannini (nella buccia), polifenoli. È indicata in caso di anemia e affaticamento, uricemia e gotta, artrite, vene varicose, iperazotemia, malattie della pelle. L’ uva ha proprietà antiossidanti e anticancro, dovute soprattutto al contenuto di polifenoli e di resveratrolo, presente nella buccia dell’ uva nera; ha inoltre proprietà antivirali, grazie al contenuto di acido tannico e di fenolo, in grado di contrastare il virus dell’herpes simplex (applicazioni di succo d’ uva o di mosto sulle labbra affette da herpes ne velocizzano la guarigione). Ottima come merenda o a colazione, oggi la assaggiamo in un bel dolce contro l’arrivo del cambio di stagione:   Dott. Michela Kuan

In forma con gusto: zucchine d'autunno

Le zucchine hanno un contenuto ridottissimo di calorie, sono povere di sale, rinfrescanti e facilmente digeribili (quindi sono adatte ad ogni anno di età). Tra i nutrienti, contengono soprattutto potassio e, inoltre, acido folico, vitamina E e vitamina C.   Le zucchine, inoltre, sono diuretiche e aiutano a contrastare i problemi delle vie urinarie; sono valide alleate di chi soffre di infiammazione intestinale e molto utili in caso di stitichezza. A quate verdure vengono riconosciute proprietà rilassanti e calmanti. Oggi ve le propongo per un’interpretazione originale del classico hummus, una crema ottima per accompagnare un pinzimonio, crostini integrali e rendere la vostra tavola colorata e allegra nonostante l’arrivo dell’autunno.   Dott. Michela Kuan  

Che estate è senza il cocco?

Altamente nutriente, ricco di fibre, vitamine e minerali, il cocco è un frutto formidabile simbolo dell’estate e delle giornate in spiaggia. Questa ghiotta noce è ricca di potassio e contiene zinco, ferro, rame, fosforo, magnesio. Inoltre, apporta una quota di vitamine del gruppo B e vitamine C, E, K e J. Grazie alla sua composizione, può essere un aiuto nel  depurare l’organismo e grazie all’acido laurico, a favorire lo sviluppo del cervello.   Si può  utilizzare anche l’acqua contenuta nella noce di cocco - un liquido altamente rinfrescante perfetto per chi fa sforzi o si espone molte ore al sole, in quanto fornisce moltissimi minerali che vanno persi con la sudorazione e devono essere quindi reintegrati - può anche essere assunta quotidianamente ad esempio come ingrediente di gustosi frullati!   E una ricetta super golosa!   Dott. Michela Kuan

Pistacchi contro il colesterolo? Sì

Apprezzati in ogni periodo dell’anno, questi piccoli frutti con il guscio stimolano il buonumore e combattono lo stress. E ancora, apportano molti benefici poiché sono ricchi di sali minerali, in particolar modo di potassio, magnesio, fosforo, calcio, ferro e rame. Allo stesso tempo i pistacchi contengono molta vitamina A, ma anche vitamine B, C ed E.   Scopriamo insieme le proprietà dei pistacchi:   • Riducono il rischio di malattie cardiovascolari: come quasi tutta la frutta secca, i pistacchi limitanoil pericolo di malattie cardiovascolari, alzando il livello del colesterolo buono e riducendo quello del colesterolo cattivo.   • Combattono la pressione alta: merito del contenuto di potassio. I pistacchi, infatti, consentono di tenere sotto controllo la pressione alta, risultando di supporto in caso di ipertensione.   • Prevengono il diabete di tipo 2: il fosforo contenuto nei pistacchi, infatti, riesce a tenere sotto controllo il livello di glucosio nel sangue.   • Stimolano il sistema nervoso: merito della vitamina B6 contenuta nei pistacchi, che stimola la produzione di mielina (importante per il cervello, poiché supporta le fibre nervose nello scambio ottimale di informazioni).   • Proteggono gli occhi: i pistacchi contengono un alto tasso di antiossidanti, fondamentali per combattere i radicali liberi, prevenendo anche l’insorgere di malattie oculari.   • Aiutano in caso di anemia: i pistacchi contengono rame, ovvero un minerale decisivo che aiuta l’assorbimento del ferro non solo prevenendo – ma anche curando – l’anemia.   • Sono un ottimo alleato per la salute di pelle e capelli: grazie ai loro sali minerali, i pistacchi rappresentano un valido supporto per prendersi cura di pelle e capelli. Possono essere usati per preparare maschere viso oppure come olio da massaggio (olio di pistacchio).   Una ricetta vegan supergolosa? Eccola.   Dott. Michela Kuan  

Caldo e fiacca? Le susine sono un aiuto

Le susine sono tra i frutti dell’estate più apprezzati e ricchi di proprietà benefiche. L’estate è appunto la loro stagione e a seconda delle varietà maturano a luglio o ad agosto.    Una delle loro proprietà principali è rappresentata dalla loro ricchezza di vitamina A e di fibre. La vitamina A contenuta nelle susine determina un forte potere antiossidante. È dunque molto utile per combattere l’invecchiamento e contro le malattie degenerative. La vitamina A ha inoltre effetti benefici su pelle, unghie e capelli. I frutti freschi sono molto indicati in caso di stanchezza fisica o mentale.   Hanno inoltre proprietà diuretiche, stimolanti per il sistema nervoso e decongestionanti per il fegato. Le susine e le prugne sono inoltre ricche di potassio, che è necessario reintegrare nel nostro organismo in particolare d’estate e in presenza di climi afosi. Sono anche ricche di magnesio, calcio e fosforo, indicate dunque per anziani e bambini e per tutti coloro che soffrono di spossatezza all’arrivo dei primi caldi. Da questo punto di vista è importante ricordare che l’estate ci offre numerosi frutti e ortaggi amici della pelle.   Non dimentichiamo durante questa stagione di consumare, oltre alle susine e alle prugne, pesche, melone, carote e albicocche se vogliamo esporci al sole proteggendo la pelle dall’interno. Infine, il contenuto di fibre delle susine le rende molto utili per regolare l’attività dell’intestino.    Le susine, oltre che essere consumate al naturale, possono essere cotte ed utilizzate per la preparazione di marmellate, composte, sciroppi, gelatine e dolci di vario tipo. In estate risultano particolarmente gradevoli unite ad altra frutta di stagione nella preparazione di macedonie e frullati freschi. Questi frutti estivi sono davvero molto versatili in cucina e sono ottimi ingredienti per preparare ricette sfiziose sia dolci che salate. Dal soffice clafoutis, alla fresca bavarese, dall’insalata d’orzo agli spiedini con erbe aromatiche e tofu affumicato, liberate la vostra fantasia!   Ecco qui una ricetta semplice e gustosa.   Dott.ssa Michela Kuan

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta