Oscar a Joaquin Phoenix: una voce ai senza voce

Durante il suo discorso agli Oscar, stanotte, Joaquin Phoenix - premiato come miglior attore protagonista per 'Joker'  - ha lanciato un appello a lottare a favore dei diritti, contro l’ingiustizia, le diseguaglianze di genere, il razzismo, o la discriminazione Lgbt. Contro l’idea che una razza, una nazione, un genere o una specie abbiano il diritto di dominare o di sfruttarne un’altra impunemente. “Il dono più grande che mi ha dato il cinema è quello di poter dare voce a chi voce non ce l'ha” ha detto. In ambito di diritti degli animali ha mosso un’accusa molto chiara e decisa al comunissimo consumo di latte: “Siamo diventati disconnessi dal mondo naturale" ha detto. “Ci sentiamo in diritto di inseminare artificialmente una mucca e quando partorisce le sottraiamo il piccolo, anche se le sue grida di angoscia sono inconfondibili. E poi prendiamo il latte destinato al vitello e lo mettiamo nel nostro caffè e nei nostri cereali." Servirà a far cambiare le abitudini di milioni di americani? Speriamo di sì! Visto che negli USA chiudono molti allevamenti di bovine da latte. Quello di stanotte (qui in inglese) è solo l’ultimo dei momenti di conferimento dei numerosi premi ottenuti da Joker utilizzati da Phoenix come occasioni per citare i temi dei diritti degli animali e dei cambiamenti climatici. L'attore ha inoltre contribuito fortemente a convincere i Golden Globes, i Critics Choice Awards, gli Screen Actors Guild Awards e i BAFTA a offrire rinfreschi totalmente vegan.   ps

Tornano i VeganDays

Il 29 febbraio e il 1° marzo tornano i Vegan Days e si spostano da Pontedera a Pisa, nella spaziosa e accogliente location della Stazione Leopolda. L'evento a cura di LAV Pontedera e Ohana Animal Rescue Family prevede un ampio spazio espositivo di prodotti a km zero, alimentazione vegana, abbigliamento e cosmesi cruelty free, con realtà dell’economia sostenibile, come nelle precedenti edizioni. E poi incontri, mostre, workshop e laboratori per bambini. E cibo delizioso! Vi aspettiamo! ps

Eurispes 2020: i numeri sono con noi

Anche quest’anno i dati del Rapporto Eurispes confermano la tendenza che vede gli Italiani sempre più attenti e sensibili verso gli animali, con una crescente quota di persone che scelgono l’alimentazione vegetale. Vegetariani e vegani sono l’8,9% della popolazione (+1,8% rispetto all’anno precedente) e, di questi, il 22,2% motiva la propria scelta con “l’amore e il benessere nei confronti del mondo animale”. Coloro che hanno scelto esclusivamente un'alimentazione 100% vegetale sono il 2,2% del campione analizzato. Di fronte a una percentuale che sfiora un italiano su dieci, oltre 5,3 milioni di italiani, ci chiediamo come sia possibile che proprio in questi giorni la proposta delle nuove “Linee di indirizzo nazionale per la ristorazione” del Ministero della Salute vada di fatto a scoraggiare le scelte alimentari vegane e vegetariane, introducendo l’obbligo di certificazione medica per poter avere un pasto in una mensa scolastica, in un ospedale, in una residenza  per anziani. Abbiamo già fatto un appello al Ministro della Salute Roberto Speranza chiedendo una rettifica del documento in via di approvazione,e al Ministro dell’Ambiente, perché non assecondi il “clamoroso autogol” sugli effetti ambientali di questa controffensiva anti vegani e vegetariani Secondo Eurispes, tra le motivazioni alla base di una scelta alimentare a base vegetale rientra anche la salute (23,2%), il Rapporto tuttavia non indaga la relazione tra scelta vegetariana o vegana e le preoccupazioni legate ad ambiente e cambiamento climatico, che pure occupano un posto importante nella rilevazione. Più di un quarto degli italiani (26,6%), infatti, considera il cambiamento climatico il problema più urgente a livello ambientale ma, secondo il Rapporto Eurispes 2020, solo un terzo della popolazione è disposta a cambiare le proprie abitudini per invertire questa tendenza. Dal nostro osservatorio, basato su chi sceglie o è interessato alla scelta di un’alimentazione vegetale, per motivi etici, ma anche legati alla salute e al rispetto dell’ambiente, stupisce che solo 1 italiano su 3 sia consapevole dell’impatto delle scelte individuali sul mondo che ci ospita. Le persone che ci seguono, probabilmente, appartengono a un campione particolarmente sensibile e attento a questo tipo di dinamiche. Non si tratta di una nicchia però: dai dati Eurispes emerge che preoccupazioni di questo tipo attecchiscono rapidamente tra le nuove generazioni, sono loro la nostra speranza per un cambiamento che passa anche dal piatto e, quindi, dalle scelte alimentari che muovono consumi, domanda e mercato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta